Libere Risonanze: Commento nel blog di Mastella

15 settembre, 2007

Commento nel blog di Mastella

Pubblico in toto un post che ho lasciato come commento al maldestro tentativo di difesa che Mastella ha pubblicato sul suo blog a proposito della vicenda del passaggio a scrocco su un aereo statale: Non so se esso verrà pubblicato perché Mastella censura molti suoi oppositori (ho subìto gia due censure) quindi lo pubblico sul mio blog nel caso non fosse aprovato.
La risposta si riferisce all'articolo Libero Volo (parte prima) di Venerdì 14 Settembre 2007:

"Non capisce quale sia il problema, Sig.Clemente? Bene, glie lo dico io il problema. Fortunatamente io sono uno che si è fatto un mazzo così a forza di studiare, non ho mai evaso una lira ma grazie alla mia posizione ed alla mia fatica guadagno bene. Però tutto ciò che ho me lo sono sudato e la mia indignazione nei suoi confronti è, tutto sommato, blanda perché comunque non mi manca il pane né le mie comodità.

Vi sono un sacco di persone, però, che si sono fatte il mazzo come e molto più di me, sono anche meglio di me e guadagnano 1000€ al mese. Costoro non dispongono di alcun privilegio, se vanno ad elemosinare al governo (il suo governo) tasse più sostenibili si trovano ogni mese a far i conti con gli aumenti. E non mi dica che avete abbassato le tasse perché con una mano date e con tre togliete! Costoro negli ospedali non possono farsi vedere perché una visita viene fissata dopo due anni, se muoiono di morte naturale succhiate loro l'ICI come vampiri e per giunta a causa della Sua grandissima sensibilità cristiana a favore dei criminali (le solite pecorelle che appena fuori dalla galera si trasformeranno in lupi) e dei Suoi compagni di merende (FI compresa) è stato approvato l'indulto. Però chi guadagna 1000€ al mese sarà in pericolo di vita o di scippo: Lei invece deve usare un aereo statale perché possiede la scorta (lo ha detto Lei stesso) e perché "è più conveniente di un jet pubblico". Caspita, Lei è più scortato di Bush! Una soluzione ci sarebbe: rinunci alla scorta, come tutti i cittadini normali.

Venga, venga tra noi e viva come un operaio, con le bollette da pagare, in un quartiere degradato in cui suo figlio invece di prendere l'aereo di stato può prendere una coltellata da un momento all'altro (o diventare egli stesso un delinquente) e poi vedrà le cose sotto un profilo ben diverso!

Guardi, Sig.Clemente, io il bene lo faccio concretamente e pensi un pò, cattolico non sono; me ne frego delle omelie, dei preti, del Papa e di tutta quella mandria di mangiapane che fa capo al Vaticano.

Ho preso in carico due vecchietti che non hanno un euro e che soffrono di salute, i quali grazie al Vostro governo fanno la fame. Ho pagato loro esami clinici privati, perché negli ospedali si doveva aspettare più di un anno, ogni tanto li aiuto economicamente quando non arrivano a pagare luce, e gas (a proposito, grazie alla Sua coalizione le centrali nucleari ce le scordiamo).

E Lei ci viene a fare la morale perché la gente è indignata? Lei non sa la rabbia che serpeggia tra questo popolo, io tutti i giorni sento commenti che se anche Lei sentisse si seppellirebbe dalla vergogna.

Non so se questo commento verrà pubblicato, però sono contento almeno che l'abbia letto. Una critica nell'anima vale più di mille parole sul web.

Buon prossimo volo, Sig.Mastella."

Etichette:

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home