Libere Risonanze: Parla al nemico perché capisca l'amico

29 settembre, 2009

Parla al nemico perché capisca l'amico

Quando si vuole far capire qualcosa ad una persona senza offenderla, un metodo intelligente e collaudato è quello di parlare "per interposta persona".

Generalmente il discorso diretto è più coraggioso e preferibile ma in certi casi ha uno svantaggio: può essere subito ribaltato a vostro sfavore perché l'interlocutore, che un secondo prima voleva farvi capire una cosa con abile equilibrismo, può benissimo girare la frittata e dire "Ma che cavolo avevi capito? Io non volevo dire questo, mi stai offendendo!" lasciandovi a bocca aperta e senza argomenti come stupidi ed ingombranti fessi.

Un esempio? Mi capitò che due ragazze molto carine ventilarono con allusioni il fatto di voler venire a letto con me in cambio di denaro. Ebbene, se io avessi reagito dicendo "guardate che a letto con voi a pagamento io non ci vengo" ci gioco il collo che sarebbero montate su tutte le furie dicendomi "Chi noi? Ma che ca.... credi, che siamo delle puttane?". Dio solo sa quante sceneggiate tra la gente avrebbero fatto e quanti improperi io avrei preso, magari anche una denuncia.
Invece, abilmente, glissai con la seguente frase: "Io proprio non capisco certi imbecilli, vanno a puttane pagando quando invece vi sono belle donne come voi in giro da conquistare!".
Ebbene, il loro sorriso svanì, una guardò l'orologio e si dileguò subito e l'altra perse la sua verve, poi annoiata mi disse che si era dimenticata di un appuntamento e se ne andò dopo qualche minuto.

Ebbene, ciò che ha fatto Berlusconi alla festa del PDL è proprio questo: parlare per interposta persona.
Nella fattispecie Berlusconi ha chiarito: "La sinistra vuole dare il voto agli immigrati. Quella della sinistra è una strategia subdola per farsi votare" e poi ha rincarato la dose: "Nessuno riuscirà a dividerci dalla Lega".

Allego Link.

Ad un osservatore poco attento od ad un sinistro (che non ha dimestichezza con l'intelletto) quello di Berlusconi poteva sembrare effettivamente un attacco alla sinistra. In realtà quelle frasi erano dirette ad un omino che ben conosciamo tutti, che ha tradito il PDL, che presenzia a molti dibattiti sinistri, che si fa lodare dall'opposizione e che ora parla più da dilibertiano piuttosto che non da uomo di destra.

Quell'omino ormai rovinato nell'immagine e nella credibilità, però, non solo non sarà mai più in grado di asurgere alla carica di Berlusconi ma non riuscirà nemmeno a scalfire un frammento del PDL proprio perché di omino si tratta e l'elettorato della destra gli omini li lascia alle altre coalizioni. E' capitato così con un certo democristiano fissato col grande centro che vivacchia in parlamento e capita ora con l'omino suddetto.

Berlusconi, d'altra parte, l'ha detto chiaramente: il voto agli immigrati è una subdola follìa. Capito "Finistra"?

Etichette:

4 Comments:

Blogger Claudio ha detto...

Come non darti ragione? Io credo che Fini abbia già sconfinato nella desolata terra (sinistra). Lo abbiamo perso. Ma sai come si dice? Uno così, meglio perderlo che trovarlo. Come ho già detto in un altro blog, Fini dice questo:
1. Perchè è scemo;
2. Perchè è presidente della camera e qualche stronzata la deve pur dire (a discapito però dei valori valori della Destra).
Quando Bertinotti fu presidente della camera, le sue idee non si sono mai discostate dal suo partito. E le ha sempre dette e ripetute, anzi. Ormai considero Fini una mercanzia alla mercè della sinistra.

martedì, 29 settembre, 2009  
Blogger Tommaso Pellegrino ha detto...

Hai proprio ragione circa la tecnica usata da Berlusconi: un tempo si diceva anche "parlare a nuora affinchè suocera intenda".
Salutoni.
Tommaso Pellegrino-Torino

martedì, 29 settembre, 2009  
Blogger Jetset - Libere Risonanze ha detto...

;-)

E' vero Tommaso, non ricordavo bene il detto...

Claudio: a me sembra che Fini voglia fare il buonista a tutti i costi. Sarà perché è Presidente della Camera, chissà...

martedì, 29 settembre, 2009  
Blogger passione65 ha detto...

Se mai si dovesse tornare a separare FI da AN, con Fini a capo di AN, non avrebbe più seguito. I suoi seguaci sono delusi, tutti o quasi...

Basta leggere su blog e facebook, tutti si sentono traditi e hanno identificato Berlusconi come loro leader...
Militanti convinti che non gli credono più e che lo farebbero correre volentieri...lontano dal partito. E' quasi incredibile da pensare!

lunedì, 09 novembre, 2009  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home