Libere Risonanze: Lampedusa, una vergogna!

24 gennaio, 2009

Lampedusa, una vergogna!

A Lampedusa è il caos: dopo essere arrivati senza visto, senza alcun permesso e senza alcun controllo, i clandestini pretendono pure di far ciò che vogliono uscendo dal centro di accoglienza ormai al collasso.
E' lapalissiano il fatto che la colpa non è di chi ha costruito o sta gestendo il centro ma dei clandestini stessi, che arrivano qui a migliaia rendendo invivibile il soggiorno in tale struttura. Gli stessi calndestini, scritto per inciso, che poi protestano e si ribellano.
Ebbene, questo dell'immigrazione selvaggia è un piano preordinato per mettere in difficoltà il governo nella speranza che, visti gli esuberi degli extracomunitari, esso molli la presa e conceda loro una qualche forma di viatico per entrare senza visti e senza controlli sul nostro territorio.
Come ultima novità abbiamo non solo rivolte all'interno del centro di accoglienza ma vere e proprie fughe di massa con tanto di clandestini che urlano, sbraitano e compiono atti vandalici sul nostro territorio come se avessero diritto ad entrare e fare ciò che pare loro.
Ebbene, se così è la situazione penso che a mali estremi siano da adottare rimedi durissimi. Innanzitutto occorre vietare in tutti i modi lo sbarco ai clandestini sul nostro suolo. Questo significa pattugliamenti armati ed uso della forza, anche per mezzo dell'uso delle armi.
In secondo luogo, per coloro che riescono a passare per le maglie dei pattugliamenti, occorre il rimpatrio immediato od il trasporto verso la costa da cui sono partiti.
In terzo luogo occorre utilizzare la forza anche e specialmente contro chiunque cerchi di scappare dai CPT usando armi e manganelli se costoro alzano la cresta o compiono violenze/atti di vandalismo.
Occorre insomma colpire senza pietà questo indecente fenomeno che non si riesce ad arginare a causa della solita manfrina sul rispetto della vita umana, del presunto razzismo e della sinistra che va a solidarizzare con i clandestini compromettendo la sicurezza degli italiani e di chi tra gli stranieri regolarmente e volenterosamente lavora nel nostro paese.
La pretesa di comandare a casa nostra è uno schifo che deve finire, anche con le cattive se è necessario.

Etichette: , ,

1 Comments:

Blogger Angelo D'Amore ha detto...

nel frattempo, centinaia di extracomunitari invadono il nostro paese a bordo delle loro lussuose auto o in autobus, dopo gli accordi di shenghen e l'allargamento dell'ue a paesi dell'est europeo, dove tali criminali marcirebbero tantissimi anni in galere meno confortevoli di quelle che da noi riteniamo disumane.

sabato, 24 gennaio, 2009  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home