Libere Risonanze: Napoli ed il nodo al fazzoletto

05 gennaio, 2009

Napoli ed il nodo al fazzoletto

Come già ricordato nel mio post del 19 Dicembre intitolato "Direzione Nazionale dei Bisogna" ripropongo la frase che Veltroni ebbe a pronunciare immediatamente dopo la batosta degli scandali che coinvolsero sindaci e giunte.

"La crisi politica e morale pone un’alternativa secca: o innovazione o fallimento. O aiutiamo il Pd a saltare nel futuro o lo leghiamo al presente che ci precipita nel passato e il Pd rischia di essere travolto. Questo è il messaggio che viene dall’Abruzzo".

Ebbene, questo solenne e perentorio editto veniva pronunciato una quindicina di giorni fa. Sono passati quindici giorni e quelle minacce sembrano essere state già messe in formalina come i cadaveri che si vorrebbero conservare nella loro interezza ma che puzzano di marcio.

Di tutto questo bel pistolotto non si vede alcun effetto. Sembra di assistere alle proposizioni del programma di Prodi, dapprima composto da trecentoventi pagine nelle quali albergava tutto ed il contrario di tutto, poi per manifesta incapacità drammaticamente ridotte a 12 punti chiave che ebbero vita sì e no per due-tre giorni. In seguito il nulla, tutto venne messo in soffitta a prender polvere.

Parimenti, un bel pò polverosa mi sembra anche la Jervolino. Non per la sua giovane età e per la sua notevole avvenenza fisica, per carità, ma per la inveterata abitudine ad incollarsi alla poltrona della giunta di Napoli. Quella di Veltroni sembrava l'ira di Caronte, guai a voi anime prave, farem noi pulizia ne lo bordello! ed invece tié, la giunta si rimpasta, vengono sostituiti assessori come quando a poker si è alla disperazione e si cambiano quattro carte su cinque et voilà, si sopravvivacchia (né crasi fu più azzeccata).

E l'inviperito Veltroni di quindici giorni fa, da cui scaturivano fulmini dalla lingua e sbuffi di vapore dalle orecchie, che fa? Invita timidamente la Jervolino a farsi da parte ma quando ella gli oppone il niet torna a cuccia con le orecchie basse. E' avvilente quanto sia debole e scarso un politico come questo. O meglio, è avvilente per i sinistri. A noi del centrodestra sta benissimo là dov'é.

Non vi curate di lui, ma guardate e passate...

Etichette:

3 Comments:

Blogger Angelo D'Amore ha detto...

la iervolino dice di voler rimanere fino a fine mandato. e' una tragedia per la citta' ma una debacle per il pd.
cosa accadra?

mercoledì, 07 gennaio, 2009  
Blogger Jetset - Libere Risonanze ha detto...

Da non napoletano spero che la Jervolino rimanga, così mette a nudo tutte le schifezze del PD. Certo che se fossi napoletano probabilmente ragionerei al contrario, perché avere questa donna come sindaco...Dio me ne scampi e liberi!

venerdì, 09 gennaio, 2009  
Blogger Angelo D'Amore ha detto...

scusa il fuori tema.
spero ti faccia piacere sapere che la famosa kay rush, colei che mi ha esortato a realizzare il mio blog, dedica un post alla mia azienda.
http://rushhour.blogosfere.it

saluti,
angelo d'amore - napoli -

sabato, 10 gennaio, 2009  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home